Carpi una città che punta sul Green!

 

Potrà sembrare una affermazione roboante, che ha il solo obiettivo di creare un titolo, ma se guardiamo ai numeri  e alle azioni messe in campo nell’ultimo periodo, questa affermazione,  assume il giusto significato.

Guardiamo il  numero di alberi, ad esempio, che sono più di 34mila, ed  erano poco meno di 30mila 6 anni fa; abbiamo 560mila mq. di aree pubbliche comunali destinate al rimboschimento, e se togliamo  i comuni montani, siamo tra i primi  4 comuni in provincia per dimensione di aree boscate di proprietà comunali.
Abbiamo aumentato il patrimonio verde della nostra città dagli 800mila mq. di verde pubblico ai quasi 1milione e cento mila mq. Questo è l’imponente patrimonio di verde pubblico ad oggi, patrimonio che è nostra intenzione, come abbiamo fatto in questi anni, incrementare ed estendere. La scelta poi di partecipare al progetto europeo “LIFERINASCE” che ha l’obiettivo di rinaturalizzare alcuni canali artificiali (unico esempio a tal riguardo in europa), progetto che si  inserisce in un più ampia infrastruttura,  che vedrà la costruzione di una parte importante della fognatura sotto via Lama, con la divisione delle acque chiare da quelle nere  e la realizzazione di un “bacino di laminazione” di 20mila mq.,  dimostra come ci stia a cuore il tema dell’acqua, inoltre questo progetto si affianca al progetto di sostituzione di oltre 16km  di rete idrica, in cemento amianto, con tubazioni in ghisa, da Fontana di Rubiera a Carpi.

Passiamo al tema rifiuti, con la scelta coraggiosa del porta a porta e tariffazione puntuale, siamo arrivati ad oltre 82% di raccolta differenziata, eravamo a meno del 65% nel 2014, oltre il 73% nel 2015 ed ora, ad oltre sei mesi di avvio del nuovo sistema, registriamo un balzo del  10%, senza contare che ciò comporta  la drastica riduzione dei rifiuti indifferenziati, quelli che hanno il costo maggiore perché vanno avviati tutti a smaltimento, rifiuti  che passano dai 200kg a testa nel 2014 a poco più di 70kg ( in questi numeri  sono compresi gli abbandoni), riducendo in modo significativo la nostra “impronta ecologica” con un notevole beneficio per l’ambiente, ma anche  per le tasche dei nostri cittadini visto che più di 24mila famiglie risparmieranno sulla tari 2016 rispetto a quella del 2015.

Passiamo all’efficientamento energetico e alla scelta di sostituire più di 6000 punti luce, quasi il 50% del nostro patrimonio, con tecnologia led; un investimento di oltre 3,5milioni di ero, che si unisce alla recente scelta di sostituire le lampade semaforiche  e le torri faro presenti nelle rotonde con impianti di illuminazione a led, investimenti che si ripagheranno con il risparmio in bolletta.

Carpi ha poi modernizzato la  mobilità e la viabilità cittadina, con interventi che hanno aumentato i km di piste ciclabili, puntando con decisione sulla scelta di dare precedenza e sicurezza agli utenti deboli della strada, cioè ciclisti e pedoni, a scapito delle automobili, si veda in questa ottica la pista di via Dallai, il rifacimento di quella di via Peruzzi o la nuova segnaletica di via Roosevelt. Tra qualche settimana poi in giunta approveremo lo studio di fattibilità relativo ai percorsi ciclabili sugli argini dei canali del nostro territorio, permettendo in questo modo alle nostre frazioni di essere collegate tra loro e con il capoluogo.

Inoltre il progetto “Amianto no Grazie”, dopo la mappatura dei tetti in cemento amianto della città, abbiamo scelto come amministrazione di mettere in campo un pacchetto di agevolazioni ed incentivi economici (uno dei pochi Comuni in Provincia che lo fa).

Infine, ma non per importanza, va ricordato che con due delibere approvate in consiglio comunale in questo mandato amministrativo, abbiamo tolto dalla pianificazione urbanistica oltre 270mila mq di aree fabbricabili. Non va poi dimentica la scelta di realizzare tutti gli edifici scolastici ed annesse palestre in bio-architettura e con standard e sistemi avanzati di risparmi energetici, come le  nuove scuole di via Goito,  quelle di Santa Croce, il  “Matitone”,  la nuova scuola media M. Hack e per finire le nuove piscine.

Quelli citati sono solo alcuni esempi per dimostrare in modo concreto e con dei numeri che la nostra Città ha da tempo avviato un  percorso sulla strada di uno sviluppo sostenibile che mette al centro l’ambiente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...