Italia, cala lo smog ma cresce il cemento meno 5 ettari al giorno, PM10 oltre soglia

Nona edizione del Rapporto sulla Qualità dell’Ambiente Urbano. Le 51 aree comunali monitorate hanno cementificato 220mila ettari di territorio, quasi 35mila solo a Roma. La lista delle città più inquinate comprende la Capitale, Taranto, Milano, Napoli e Torino e riflette quella della circolazione delle auto

11 ottobre 2013

ROMA – Migliora l’aria nelle città italiane, molte delle quali però restano ad alto rischio di sforamento dei valori considerati sicuri per gli inquinanti, mentre non si arresta la cementificazione, che ogni giorno richiede il suo tributo al territorio urbano: ben 5 ettari. La fotografia viene dai dati della nona edizione del Rapporto sulla Qualità dell’Ambiente Urbano presentato a Roma dall’Ispra.

Tra il 2000 e il 2010, afferma il documento, a livello nazionale c’è stata una diminuzione delle polveri sottili del 37%, complici anche le minori attività industriali, e in quasi tutte le 60 città prese in esame il trend è in diminuzione. “In tutte le città considerate tranne Livorno – sottolinea però il rapporto – nel 2011 le concentrazioni medie di pm10 sono state superiori al valore soglia consigliato dall’Oms, e in 6 centri abitati del bacino padano i valori hanno superato la soglia annuale prevista dalla normativa”.
La lista delle città più inquinate da questo punto di vista, che vede Roma, Taranto, Milano, Napoli e Torino ai primi posti, riflette quella della circolazione delle auto. Se nelle otto metropoli considerate, con l’eccezione di Roma, le immatricolazioni sono in calo, i valori assoluti restano alti.

“Quello che abbiamo notato – spiega Silvia Brini, curatrice del rapporto – è che nelle città grandi, ad eccezione di Roma, le auto circolanti tendono a diminuire, mentre in quelle più piccole avviene il contrario”. Oltre che inquinate le città risultano dal rapporto anche sempre più ‘grigie’. Napoli e Milano hanno ormai consumato oltre il 60% del territorio, e anche Torino e Pescara superano il 50%. Le 51 aree comunali monitorate hanno cementificato 220mila ettari di territorio, quasi 35mila solo a Roma, con 5 ettari di nuove aree ‘catturati’ ogni giorno. Trento mostra i valori più alti di verde pubblico, mentre Messina, Venezia e Cagliari sono le città con le quote più alte di territorio protetto. “In questi tre casi si parla di percentuali significative, ben oltre il 50% – sottolinea Brini – un dato che ci ha positivamente impressionato”. Quasi una reazione al colore monotono dominante nelle città sono sempre di più gli uccelli alloctoni, introdotti cioè da fuori, a cominciare dai pappagalli. Le specie più avvistate sono i parrocchetti, ma ci sono anche l’anatra mandarina, il cigno nero e l’amazzone fronteblu.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...