Convegno sul nuovo Piano regionale integrato per la qualità dell’aria

29.10.2012. Si tiene il 12 novembre si pare il Forum regionale per amministratori, tecnici, funzionari pubblici, associazioni e cittadinanza

liberamo aria

Le misure messe in campo negli ultimi dieci anni dalla regione Emilia-Romagna per migliorare la qualità dell’aria hanno permesso di ottenere risultati importanti, riducendo le polveri fini del 25%. Un segnale incoraggiante, ma i dati dicono che è necessario incrementare gli sforzi e agire in modo sinergico sui processi che generano gli inquinanti, attraverso una pianificazione improntata all’integrazione delle politiche settoriali. Con queste finalità la Regione ha avviato il percorso verso il nuovo Piano regionale integrato per la qualità dell’aria. La parola chiave di questo percorso è, appunto, integrazione, nella convinzione che per rientrare negli standard fissati dall’Europa sia necessario un approccio trasversale tra i diversi settori. Il percorso verso il nuovo piano regionale è, di fatto, già stato avviato ed ha portato all’adozione di una serie di misure: dall’industria all’energia, dalle biomasse al settore civile, dai trasporti all’agricoltura. Tra i più recenti, il decimo Accordo di programma sulla qualità dell’aria, che per la prima volta avrà durata triennale e metterà in campo un pacchetto di misure strutturali, gestionali ed emergenziali: 35 milioni di euro destinati ad opere per la mobilità sostenibile, ciclopedonale ed elettrica, infrastrutture verdi e trasporto pubblico.

Per proseguire in questo percorso la Regione promuove per il 12 novembre un convegno che ha l’obiettivo dipresentare gli strumenti di gestione della qualità dell’aria, le azioni intraprese per il risanamento e le linee di indirizzo del nuovo Piano, ma anche fare il punto con il Governo nazionale e la Commissione Europea sull’evoluzione del quadro normativo e sulle misure da attivare.

Con il contributo di tutti si vogliono individuare le soluzioni, nella convinzione che le idee migliori nascono dalla conoscenza, dall’ascolto e dal confronto. Per questo, il convegno del 12 novembre costituisce anche l’occasione per dare avvio al Forum regionale per la qualità dell’aria, una sede di confronto dedicata che accompagnerà il processo di elaborazione del nuovo Piano attraverso focus tematici e consultazioni pubbliche.

Annunci

Un commento

  1. lascio molto volentieri un commento…visto che si predica bene ma che poi in pratica…avrei due domande prego……la prima : abito in via remesina interna e da quando si circola in un unico senso si respira un pò meglio x noi che siamo in casa con bambini ed anziani..ma un pò meglio e voi che fate? restituite questa parte di strada al doppio senso senza tenere conto delle persone che qui respirano ed anche all’impossibilità di camminare a piedi xche ci sono già ora sempre marciapiedi occupati da auto messe alla meno peggio..quindi c’è pericolo doppio x la salute sia per l’aria che x la circolazione ..e seconda domanda come si può ovviare a prendere la macchina se i mezzi pubblici sono sempre più ridotti a poche corse.. ed a livello di mobilità pubblica la regione lascia molto a desiderare…credo che bisogna fare una riflessione su questo cari amministratori, perche le parole sono belle ma vanno supportate dai fatti…grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...