‘CASO TABLET’, UNA REPLICA DELL’ASSESSORE SIMONE TOSI

Sbaglia chi usa questo caso per ingrassare la macchina anti-casta”

Qualcuno mi definisce l’assessore più tecnologico della Giunta (escludendo il Sindaco) ed avendo ormai da due anni la delega alla Comunicazione, mi sento legittimato ad entrare nel merito del dibattito in corso sull’acquisto di apparecchi tablet dati in dotazione ai componenti della Giunta che tanto fa gridare allo scandalo chi non ha motivazioni politiche più serie della sterile polemica strumentale. I tablet IPAD forniti agli amministratori da circa un mese sono a tutti gli effetti strumenti di lavoro, come il telefono cellulare o il Pc dell’ufficio e rientrano in un processo ampio di dematerializzazione dei documenti che questo ente ha intrapreso da tempo sia per razionalizzare costi (la carta) sia per incrementare le proprie azioni a fini ambientali; se qualcuno pensa che sia invece un giochino che si è comprato la Giunta, non solo è fuori strada, ma giudica scarsa anche la nostra intelligenza. Chi vuole usare questo tema per alimentare ed ingrassare la macchina messa a punto contro la “casta”, sbaglia di gran lunga. A costoro facciamo notare che chi fa politica in modo attivo non lo fa per arricchirsi o per profittare, ma per senso civico e passione.

A chi chiede più sobrietà ai membri della Giunta ricordiamo che un assessore del Comune di Carpi percepisce 1650 euro al mese, per 12 mesi, senza TFR, e senza contributi se questo non era in possesso precedentemente di un contratto a tempo indeterminato. Forse dovremmo vergognarci anche del fatto che il Comune per consentirci di assolvere il nostro ruolo ci ha dotato di Pc fisso e telefono cellulare? Dovremmo riconsegnarli?
Chi poi cita la mancata realizzazione della festa per i bambini in piazza come contraltare della spesa fatta dalla Giunta per gli Ipad ribadisco che mescola cose che non c’entrano: la festa era infatti promossa dall’Unione delle Terre d’Argine e non dal Comune e i 5000 euro ‘tagliati’ erano per consulenze, animatori e spese per straordinari: visto che fisicamente chi organizzava la festa erano due dipendenti del Settore Istruzione dell’Unione che sono andate in pensione e grazie al Governo Berlusconi gli enti locali non possono sostituire il personale, non riusciamo più a proporre questo appuntamento alla città.
Sperando di aver chiarito la questione e di poterci confrontare seriamente sui problemi e sulle criticità che la anche la nostra città sta vivendo.

Simone Tosi, assessore alla Comunicazione

Annunci

3 commenti

  1. Caro ass,Tosi,io non discuto la leggimità dell’acquisto “tecnologico”,ma se si investo soldi in questo modo e non si applicano i decreti Ministeriali sull’abbattimento delle bariere archittetoniche negli eddifici pubblci(DPR N°503 DEL 24 LUGLIO 1996,publicato sulla “Gazzetta ufficiale”n°227
    el 27 settembre 1996) con la scusa dei problemi di bilancio e se all’abbattimento delle bariere archittetoniche non c’è neanche un euro nel preventivo di spesa del 201oglio ricordare 2,sempre con lo stesso pretesto,Le voglio ricordare che tutti i provvedimenti,le norme di legge per l’inserimento dei disabili non sono una carità facolttativa dettata dal,più o meno,buon cuore dell’amministraione,ma sono per adempiere all’art.3 della Costituzione Italiana,quindi destinare investimenti,a qualsiasi altro scopo,coscientemente,ma non all’applicazione delle norme a favore dei disabili è ppalesemente discriminatorio e al limite della legalità.

  2. Salve Simone con me che sono un tecnico in telecomunicazioni sfondi una porta aperta nel mettere in chiara luce l’utilizzo di mezzi di ultima generazione per essere a contatto con la cittadinanza in tempi piu brevi possibili ,
    una cosa io vorrei metterti in evidenza ,che è l’opposto di quello che qualche cittadini retrograde o in malafede accenna a quasta giunta;
    Vorrei chiedere o proporre e il seguente : il sistema WI FI cittadino sarebbe veramente di pubblica ultilità se fosse applicato nei punti chiave
    in teoria i tecnici credevano forse di avere applicato ,ma se vai a spasso per la citta noterai che in alcuni punti mancano
    sono per primo il parco della Resisenza dove io svolgo un’attività di ristorazione e dove il flusso di persone interessate sono moltepilci in particolare stranieri dell’est europa che il TABLET l’hanno anche loro e sono anche disposti a pagare un cifra se non esosa per entrare in rete ( con questa cifra nel tempo coprirebbe anche le spese di quelli del comune ) invece della sola ora concessa gratis per tutti
    oltre a quello il segnale manca al parco Pertini e non so dirti quali altri punti cruciali
    ma che se vuoi passo a farti una mappa dei punti salienti che potrebbero essere intressati e poi te la giro e quasta consulenza IO LA FAREI GRATIS come anche tutti gli altri servizzi che dò alla comunità da quando sono al chiosco del parco
    con la speranza ( forse vana ) che questa mia mail abbia successo colgo occasione per salutarti
    Luongo Cresennzio ( IL BAFFO )

  3. Salve Simone con me che sono un tecnico in telecomunicazioni sfondi una porta aperta nel mettere in chiara luce l’utilizzo di mezzi di ultima generazione per essere a contatto con la cittadinanza in tempi piu brevi possibili ,
    una cosa io vorrei metterti in evidenza ,che è l’opposto di quello che qualche cittadini retrograde o in malafede accenna a quasta giunta;
    Vorrei chiedere o proporre e il seguente : il sistema WI FI cittadino sarebbe veramente di pubblica ultilità se fosse applicato nei punti chiave
    in teoria i tecnici credevano forse di avere applicato ,ma se vai a spasso per la citta noterai che in alcuni punti mancano
    sono per primo il parco della Resisenza dove io svolgo un’attività di ristorazione e dove il flusso di persone interessate sono moltepilci in particolare stranieri dell’est europa che il TABLET l’hanno anche loro e sono anche disposti a pagare un cifra se non esosa per entrare in rete ( con questa cifra nel tempo coprirebbe anche le spese di quelli del comune ) invece della sola ora concessa gratis per tutti
    oltre a quello il segnale manca al parco Pertini e non so dirti quali altri punti cruciali
    ma che se vuoi passo a farti una mappa dei punti salienti che potrebbero essere intressati e poi te la giro e quasta consulenza IO LA FAREI GRATIS come anche tutti gli altri servizzi che dò alla comunità da quando sono al chiosco del parco
    con la speranza ( forse vana ) che questa mia mail abbia successo colgo occasione per salutarti
    Luongo Cresennzio ( IL BAFFO )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...