Se il professor Romano Prodi monta in cattedra

di ANTONIO DIPOLLINA – Repubblica.

“Bisogna fare cose sempre più intelligenti e sempre più raffinate”.

Lo dice in chiusura della prima delle sue lezioni tv, Romano Prodi (Il mondo che verrà, su La7 il martedì alle 23). Parla di economia globale e innovazioni, ma è ovvio che la frase si chiude a puntino sull’esperimento in atto. E insomma non è mai troppo tardi per recuperare in tv il concetto di lezione, da esperti a gente che ha voglia di ascoltare e imparare. Il programma – niente cattedre, ma un austero tavolone e studenti universitari per le domande – è fatto apposta per far venire un travaso di bile a quelli della tv-tv e delle relative tecniche specifiche. Seicentomila spettatori di media, nemmeno male visto che rispetto ai canoni correnti siamo sulla Luna. A condurre, o moderare, c’è Natasha Lusenti, che un minimo di ottimismo sulle sorti del mondo lo infonde di suo. Prodi dà pennellate precise, nel modo consueto. Dopodiché se uno l’altra sera guardava invece Vespa se ne assume la responsabilità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...