C’è chi va in controtendenza! Veneto blocca le energie rinnovabili fino al 31\12\2011

Legge finanziaria del Veneto, moratoria per fotovoltaico e biomasse

 

La finanziaria regionale introduce, di fatto, un blocco per tutto il 2011 all’installazione di nuovi impianti fotovoltaici, a biomasse, biogas e bioliquidi di medie e grandi dimensioni.

Queste disposizioni sono contenute all’articolo 4 della Legge regionale 18 marzo 2011, n. 7 (Legge finanziaria regionale per l’esercizio 2011), pubblicata nel BUR n. 23/1 del 22 marzo 2011.

L’articolo 4 prevede che “non possono essere rilasciate autorizzazioni alla realizzazione ed all’esercizio di impianti fotovoltaici a terra in area agricola di potenza di picco superiore a 200kWp, di impianti di produzione di energia alimentati da biomassa di potenza elettrica superiore a 500kWe, nonché di quelli alimentati a biogas e bioliquidi di potenza elettrica superiore a 1.000kWe.”

Il blocco ai nuovi impianti viene “motivato” con l’assenza del decreto sul burden sharing (di competenza statale) nonchè del Piano energetico regionale. Nelle more dell’emanazione del decreto e/o dell’approvazione del Piano energetico, è previsto comunque che la moratoria per i nuovi impianti non potrà valere oltre il 31 dicembre 2011.

Inoltre, il comma 2 del medesimo articolo 4 prevede che siano “comunque fatte salve le istanze di autorizzazione di impianti fotovoltaici presentate alla data di entrata in vigore della presente legge”. Non è però previsto nulla di analogo per gli impianti a biomassa, biogas e bioliquidi, che quindi rischierebbero di vedersi bloccare gli iter autorizzativi in fieri.

Il comma 3 autorizza la Giunta regionale “ad effettuare gli studi e le analisi per la verifica del potenziale di sviluppo sostenibile della produzione di energia da fonti rinnovabili ai fini del conseguimento degli obiettivi (…) e dell’individuazione delle aree e dei siti non idonei all’installazione di impianti alimentati da fonti energetiche rinnovabili”, così come previsto dalle Linee guida nazionali.

Infine la Regione stabilisce ai commi 4 e 5  – sempre ai sensi delle Linee guida – gli oneri istruttori per l’avvio e lo svolgimento del procedimento unico. Gli oneri, a carico del proponente, “sono rapportati al valore degli interventi in misura pari allo 0,025 per cento dell’investimento”.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...